Shuangbaotai dilettantistica - viaggio Cina
Shuāngbāotāi
logo Arci   logo FiWuk   logo Coni                          english
arci
liberiamo l'Italia dalle mafie


sul nostro sito gemello taichi.do

contenuti © Roberta Lazzeri
grafica © arch. Marta Dituri
webmaster Lapo Luchini
xhtml e css validi

Viaggio in Cina

cento persone, Taiyuan 2002

Il Taijiquan mi piace, e dopo il viaggio in Cina dell'estate scorsa, il Taijiquan mi piace ancor di più. Mi sento molto vicina al Taijiquan e questo è successo quasi per caso. A quarant'anni inoltrati ho deciso di provare ad accrescere la mia agilità. Quando ho incontrato il Taijiquan di Yang Zhenduo/Yang Jun, mi sono sentita rivitalizzata. Questo fa per me, ho pensato!

foto di gruppo, Wuxi 2002

Poi ho avuto l'opportunità di andare in Cina per partecipare ad una gara di Taijiquan! E' stato meraviglioso! Il viaggio in Cina è stato incredibile per me. Incontrare persone provenienti da tutte le parti del mondo è stato molto energizzante. Era stupendo vederci praticare nello stesso stile, come se fossimo tutti della stessa scuola. Forse non capivo tutto quello che Bill o Dave dicevano, ma capivo quello che praticavano. Mi piace molto questo sentimento, perché capirsi meglio gli uni con gli altri è il modo migliore di promuovere la pace.
In particolare mi è piaciuto molto il pensiero di Yang Zhenduo, "Dobbiamo capire che comunque tu la veda, tutti i praticanti di Taiji appartengono alla stessa famiglia. Non deve essere come nel passato, quando la gente era sospettosa verso gli altri e creava guai. Questo non è bene."
Nel mio percorso verso il TJQ, ho incontrato molte persone di strette vedute, ma alla fine ho incontrato l'Associazione Internazionale Tai Chi Chuan stile Yang.
So che ogni persona può mettere del 'suo' nell'interpretazione del Taiji.
Questo è umano. Comunque, l'appartenenza ad una scuola con un sistema di pratica standardizzato ci permette di rimanere aderenti alla forma originale e di svilupparla tramite costante supervisione.
Ci sono due principali ragioni per cui ho scelto il Taijiquan dei maestri Yang Zhenduo e Yang Jun.
La prima è che amo le persone dalle ampie vedute e, forse ancora di più, non sopporto le persone di vedute ristrette. Solo persone con la mente aperta possono capire nuovi e differenti modi di pensare. Queste persone possono sviluppare le loro stesse teorie confrontandosi con qualcosa di nuovo. Queste persone si lasciano sfidare dalle contradizioni e dai paragoni. La seconda è che un sistema codificato ci permette di crescere nello stile tutti insieme pur praticando in vari paesi di tutto il mondo.
Come avrei potuto sopportare di non poter praticare questo tipo di Taijiquan nella mia città, Firenze? Tutti i tipi di Taijiquan sono buoni, ma a me piace questo e voglio continuare a praticarlo!
Come avrei potuto sopportare che la mia stessa gemella non potesse praticare questo meraviglioso stile tutte le settimane e non potesse partecipare alle gare internazionali?
Non potevo, non potevamo.
Abbiamo iniziato un gruppo di pratica di 'questo stile' di Taijiquan a Firenze. Abbiamo cominciato con alcuni amici e, dopo aver fatto pubblicità e promozioni, ora siamo dieci a praticare insieme regolarmente. (Un numero piccolo? Non lo penso! E' abbastanza per un inizio!). Ci alleniamo ogni settimana e, in più, siamo supportati da un praticante di Taijiquan di livello superiore una volta al mese.

primo gruppo

Il nostro gruppo (vedi la nostra età dalla fotografia?) si è riunito sopratutto per motivi di salute, ma ora alcuni giovani studenti si sono uniti a noi.
Il viaggio in Cina ci ha messo la voglia di iniziare un gruppo di pratica e ha anche ispirato il nome della nostra associazione. E' la parola cinese che abbiamo sentito più spesso: Shuāngbāotāi (gemelle in cinese).
Ci è molto piaciuto vedere gli stupendi luoghi cinesi e incontrare il popolo cinese. Ci siamo sentite spinte ad approfondre la nostra conoscenza della cultura cinese e, sopratutto Vera (la dottoressa), La Medicina Tradizionale Cinese, che sta praticando da molti anni.
Il viaggio è stato anche una grande opportunità di incontrare gli amici che avevamo conosciuto a Seattle e rinnovare la nostra amicizia (Seattle ci manca e, ora, la Cina ci manca!)
Siamo molto contente di essere state in Cina e di aver avuto l'opportunità di incontrare i membri della famiglia del Taijiquan. Ora speriamo di contribuire a sviluppare la causa del Taijiquan e di tornare in Cina nel 2007 con un gruppo di fiorentini.
(Roberta, 3/4/2003)