Taichichuan Famiglia Yang - origine storica Taijiquan
Shuāngbāotāi
logo Arci   logo FiWuk   logo Coni                          españolfrançais
logo centro YCF

Diventa socio dell'Associazione Internazionale!

sul nostro sito gemello taichi.do

contenuti © Roberta Lazzeri
grafica © arch. Marta Dituri
webmaster Lapo Luchini
xhtml e css validi

Origine storica

Zhang Sanfeng

"Ci sono due teorie. La prima ne situa la nascita durante la dinastia Yuan (n.d.t. 1279-1368), ad opera del monaco Zhang Sanfeng, che sarà l'iniziatore della corrente interna del Wudang. La seconda riguarda l'origine dello stile Chen, ad opera di Chen Wangting, durante la dinastia dei Ming (n.d.t. 1368-1644). Trecento anni separano questi due personaggi, ma nessuno ancora può esserne sicuro."
dall'intervista a Master Yang Jun in Energies, Le magazine des Arts Martiaux Internes, giugno-luglio-agosto 2003
tradotto da Shuāngbāotāi

gru e serpente

Secondo la leggenda Zhang Sanfeng, per la creazione del Taijiquan, trasse ispirazione da un combattimento tra un serpente ed una gru, a cui si era trovato accidentalmente ad assistere. Il serpente riusciva a schivare gli attacchi del becco della gru, grazie ai suoi movimenti morbidi e circolari. Zhang Sanfeng così capì che la morbidezza vince sulla rigidità e sviluppò il Taijiquan, come arte marziale che "vince cedendo".

In Cina l'uso dell'esercizio fisico può essere fatto risalire già al 1000 a.c.
Il Neijing, antico testo fondamento della medicina tradizionale cinese, prescrive "esercizi di respirazione, massaggi della pelle e della carne, esercizi delle mani e dei piedi per gli abitanti del centro, regione pianeggiante e umida, che soffrono di paralisi delle giunture, raffreddamenti e febbri".
Nel periodo dei regni combattenti (403-221 a.c.) i taoisti introdussero esercizi corporali e mentali e esercizi di respirazione come tecniche efficaci per la prevenzione e cura di alcune malattie e il mantenimento della salute.
Già verso la fine della dinastia Han, Hua Tuo (141-203 d.c.), noto medico e scienziato, sosteneva l'efficacia dell'esercizio per aumentare le difese immunologiche e aveva elaborato un sistema di cura attraverso movimenti noto come il "gioco dei cinque animali" (tigre, cervo, orso, scimmia e uccello).
Da allora le ginnastiche energetiche vengono studiate e approfondite negli ambienti buddisti e taoisti con lo scopo di mantenere l'organismo efficiente, preservarsi dalle malattie e dalla vecchiaia, conservarsi in buona salute e favorire la longevità. Attualmente in Cina il taijiquan e, in generale, tutte le ginnastiche energetiche sono utilizzate come tecniche a basso costo per il mantenimento della salute e il rafforzamento dell'organismo.